PrivacyFocus

chatcontrol

Netzpolitik ha pubblicato un documento riservato nel quale sono riportate le risposte della Commissione Europea alle domande sul Chatcontrol poste dal governo tedesco. Tra le risposte fornite spicca quella in cui la Commissione ammette che una segnalazione su dieci sarà un falso positivo, a causa degli errori commessi dalle tecnologie utilizzate per la scansione dei contenuti privati degli utenti al fine di rilevare materiale pedopornografico.

Read more...

Il governo tedesco ha espresso perplessità rispetto alla proposta di legge della Commissione Europea per il contrasto alla pornografia minorile, nella misura in cui tale legge costituirebbe un rischio per la riservatezza delle comunicazioni private. Questo è quanto emerge da un documento riservato pubblicato da Netzpolitik in cui il governo tedesco pone 61 domande alla Commissione sull'argomento. In questo documento si mettono in evidenza i punti della legge che rischiano di ledere i diritti fondamentali dei cittadini alla privacy e alla segretezza delle comunicazioni private.

Read more...

Qualche giorno fa è avvenuta la pubblicazione da parte della Commissione Europea di un nuovo regolamento per combattere gli abusi sui minori attraverso gli strumenti digitali.

Il regolamento in questione, chiamato in gergo chatcontrol, prevede la scansione automatica attraverso l'intelligenza artificiale di tutte le chat criptate, di tutte le mail, di tutte le foto e di tutti i file personali dei cittadini europei, con l'obiettivo di scovare materiale pedopornografico. Inoltre prevede che siano scansionate le chat private dei cittadini alla ricerca del grooming, cioè dei tentativi da parte di adulti di adescare minori via chat.

Continua...